Codice etico

Ispirandoci ad alcuni tra i più pregnanti codici etici, cui i consulenti iscritti ad ordini professionali o ad associazioni fanno riferimento, ci riconosciamo e condividiamo che nel contesto delle reti di imprese il Consulente debba rispettare i seguenti criteri:
1. Integrità
Agisce in ogni momento con onestà e integrità per assicurare e mantenere la fiducia di coloro con cui entra in relazione;
2. Dialogo
Si adopera per costruire le condizioni morali, culturali e intellettuali che favoriscano il dialogo e riconosce il diritto di tutte le parti coinvolte di affermare le rispettive posizioni ed esprimere i rispettivi punti si vista.
3. Trasparenza
Agisce con apertura e trasparenza affermando la propria identità, l’organizzazione e l’interesse che rappresenta;
4. Conflitto di interesse
Evita ogni conflitto di interesse professionale e, qualora si verifichi, lo rende noto alle parti interessate;
5. Confidenzialità e segreto professionale
Onora l’informazione confidenziale di cui viene a conoscenza e la considera riservata e coperta dal segreto professionale, divulgabile perciò solo su specifica autorizzazione da parte del Cliente/Committente e mai a proprio vantaggio.